Un Anno Nuovo, Benvenuto 2019!

Buongiorno, come promesso ci rileggiamo, e bilance a parte, tutto okay?

Come sono andate le mangiate? E gli amici, e i parenti?

Tutto a posto?

Il vostro impiegato (un po’ sfigato) in carriera tutto okay, meglio di così non potrebbe andare, ferie, feste e quant’altro.

Oggi siamo di nuovo nella nostra location solita, le quattro mura dell’ufficio, e si lavora di brutto, un po’ a spizzichi e bocconi, con qualche pausetta meritata, ma si lavora.

I capi non ci sono e nemmeno i colleghi, solo qualcuno, solo quelli un po’ più sfigati…

Si lavora e si pensa alla cena, con amici stasera, e si pensa al Capodanno, finalmente io e D lo abbiamo prenotato, niente di entusiasmante, un po’ di cinema in due, una coperta romantica, di altri tempi.

Stamattina il nostro premier Conte parla in diretta sulla Rai e i libri si accatastano sulla scrivania.

Io penso alla bimba che verrà e al mio passato, com’era bello essere piccoli e come sarà bello esserlo in questo momento storico.

I genitori, quanto ci hanno dato, e quanto ci daranno ancora, tutto questo è fantastico.

E come faremo quando non ci saranno più.

Altro che storie, altro che tutto, un nuovo anno arriva sulle spalle, sulle mani consunte, su chi mi amo e su chi amo sopra ogni cosa.

Tutto questo è semplicemente meraviglioso e ha il sacrosanto diritto di essere celebrato come si deve, come si conviene.

Prima di entrare a bomba nel nuovo anno però godiamoci l’ultimo weekend ed il tanto atteso countdown, tutti: chi ha 95 anni, chi ha due lauree, chi ha la terza media, chi non ha nessun titolo, chi non è ancora nato, chi a suo malgrado è nato una quindicina di volte, chi si gode la vita era bene.

Credo di aver dato fondo a tutti gli auguri possibili inimmaginabili, è ora dei buoni propositi:

Perdere qualche kilo, essere un buon compagno ed un buon padre, pensare più alla salute, essere un buon figlio e guadagnare un sacco di soldi, essere un buon amico e lavorare bene, essere un esempio è coltivare le virtù.

Un po’ ambiziosi come propositi me ne rendo conto ma d’altronde siamo qui per un motivo e penso che la maggior parte di quelli descritti non sia di difficile realizzazione.

Bisogna sempre fare i conti con l’invidia delle altre persone è vero però se ti é già capitato di vivere un anno così, perché non replicare?

Non voglio minimizzare e so bene che è difficile realizzare i propri obiettivi, a volte però basta crederci, basta volerlo, basta ricordarsi di quando si era bambini ritrovando quel l’innocenza perduta e viverla, solo viverla.

Devi riuscire a rendere possibile l’impossibile e forse questo basta.

È un ottimo stratagemma per iniziare l’anno, perché lo so bene che una giornata è fatta di 24 ore e che qualche manciata di secondi può rovinarla interamente, basta un pensiero e bom è finita, basta veramente po o per gettare tutto alle ortiche.

Bisogna essere pronti sempre!!

Ci leggiamo il 4/1/2019, un augurio di buoni festeggiamenti a tutti, ma proprio tutti!

3.000 Caratteri Spazi Inclusi

Pubblicato da L'Impiegato In Carriera

"Una Vita Sola Non Basta"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: