Il Forziere Dei Pirati

Mi ricordo, parecchi anni fa, ero piccolo, mi piaceva fantasticare di mari e grandi navi e pirati. Mi immaginavo un passato fatto di avventure ed eroici esploratori. Poi sono cresciuto e ho conosciuto prima i banchi di scuola e poi le scrivanie dell’ufficio. Si sa, non siamo scimmie, ma a volte ci riduciamo a poco più che quello: fai la fotocopia, invia la scansione, stampa. A volte mi capita di ringraziare i colleghi per qualche consiglio dell’ultima ora, però, proprio come una scimmietta, il grosso del lavoro spetta a me. Ora sono sulla mia sedia, bruttina e un po’ scomoda a dir la verità, di fronte a me il monitor, alzo gli occhi e vedo dossier consunti ovunque, sento la presenza dei colleghi dello spazio affianco, perché si sa, ogni ambiente in ufficio è uno spazio a parte. Qualche foto da guardare in un angolo, il termos d’acciaio, le carte poi sono praticamente ovunque. La giornata è quasi finita, il lavoro è aumentato esponenzialmente in questo periodo. Questo è il mio piccolo diversivo nei momenti di tranquillità. Mi piace scrivere, parlo di cose vere e reali che mi capitano tutti i giorni. Di un passato lontano, lontanissimo o vicino che sia. Uno strappo alla regole, o mio dio quante regole, troppe, troppo contorte, il semplice diventa complicato: non alzarti, pochi caffè, non sprecare la carta…e potrei continuare così per ore. Io poi ci metto la testa, o almeno ci provo dai. Avrei voluto poter decidere meglio in passato, questo si: magari adesso non starei guardando le tende scure a pacchetto delle finestre. Avevo una piantina una volta tra il cordless e le clips, ma il mio pollice verde ha deciso di dedicarsi interamente al tastino dx del mouse. E’ un’avventura e sono felice. Anche se di sti tempi è meglio cercare di essere un po’ più umili, come mi ricorda sempre la mia compagna, e poi soprattutto evitare di spargere la voce in giro, proprio perché non sai mai cosa ha in serbo il futuro per te. Io dal mio canto faccio il mio, mi sono procurato una benda da pirata, e la gamba di legno e il pappagallo e soprattutto il temutissimo uncino. Adesso mi defilo, torno a casa è Venerdì la settimana è finita, mi aspettano un paio di pizze coi parenti e un po’ di minestrina con le verdurine, possibilmente la domenica sera. Passerò un po’ di tempo con la mia famiglia, porterò a spasso il cane e probabilmente fumerò un paio di sigarette sul balcone. Non posso chiedere di meglio. Un po’ di riposo, mi piacerebbe dormire un pochino. Magari dopo pranzo, affianco al fianco che preferisco e le manine più dolci del mondo. Perché Lunedì si ricomincia e mancherebbero ancora 10 Lunedì a Natale. Ferie ben meritate. Spero che qualcuno mi regali qualche bell’album musicale da ascoltare. Perché mi rilassa tanto. Spegnerò anche le candeline della torta di compleanno a breve, i 40 si avvicinano… Ora vado, statemi bene, buon week a tutti.

Per chi volesse, ci sono i commenti subito qui sotto, sarei felice di rispondervi! TNX

Ci leggiamo la settimana prossima!

3.044 Caratteri Spazi Inclusi  

 

Annunci

Pubblicato da L'Impiegato In Carriera

"Una Vita Sola Non Basta"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: