L’Arcobaleno A Più Colori

A volte per scrivere mi isolo, non voglio nessuno attorno, ho bisogno di concentrarmi: devo pensare al titolo, devo tenere d’occhio i caratteri, spazi inclusi.

Siamo alla settimana 29, tra una dozzina di settimane saranno passate le ferie e probabilmente staró sfogliando un po’ nervosamente uno di quei cataloghi di piccoli elettrodomestici in offerta.

Non che ne abbia bisogno ma tra una cosa e l’altra forse mi faccio io condi?!

Sono a corto di idee per il fine settimana, fa caldo ma penso di essere l’unico essere vivente a non aver transumato in spiaggia. Ancora.

Penso si sonnecchierá, pigramente, dopo il pranzo.

L’anticipazione é stata questa: nelle due settimane centrali di Agosto faremo qualcosa, non so ancora cosa, ma preparati a spendere soldi e partire.

Io e la mia compagna avremmo bisogno di una revisione.

A Settembre é il suo compleanno e sará un altro anno che stiamo assieme!!

Gli anni passano, i giorni e le ore pure. La mia auto macina km, e più ne macina più mi stanco.

La sera, a casa, devo compensare un paio d’ore prima di trovare un po’ di tranquillità.

La prossima settimana sono già tutto pieno di impegni e già lo so, dopo aver fatto il giro delle 7 chiese non mi resta che attendere. Le scadenze si avvicinano, di mezzo c’è il fine settimana, cause di forza maggiore mi obbligano al rispetto di norme e prassi altrimenti inutili.

Per il momento sono qui, con un sacco di progetti e sogni in testa, tutto quello che più per più che per altro ho costruito attorno a me, e adesso: si può solo migliorare..

Spero ogni giorno che il signore mi da su questa terra di potermi svegliare col sorriso. Spero di conoscere bella gente, spero nella salute, nell’amore delle persone che mi circondano.

1.800 caratteri è tutto quello che ho portato a casa fin’ora.

Li conto sulla mano quelli che secondo me ce l’hanno fatta davvero fino adesso, li conto.

Tutto compreso

Il resto può anche aspettare. In eterno.

Sono sempre stato uno di quelli che diceva, ce la faccio da solo. Penso di aver consumato è buttato via un paio di scarpe comode, bhe non sono il solo.

So di certo che qualcun altro lo ha fatto, e che a differenza mia sta ancora aspettando di trovare un paio di ciabatte.

Io posso prestargli le mie ma deve essere lei a chiedermele, io gliele daró, le mie!!

Quando non le avrò per me , bè ci penserò.

Il pezzo dell’estate si chiama JERUSALEMA , si ballerà forte e pesante per settimane , per poi arrivare al nuovo campionato di calcio, le scuole, i rinvii , le attese, l’inverno e le festività!

Il 2021 un anno in più , una vita nuova praticamente.

Ne faccio un altro , vediamo cosa succede.

Intanto va avanti così, una telefonata, una mail, ma quello che mi serve é sempre solo 1 cosa più un’altra. Il resto se ci sono queste, viene da se!!!

Nel mentre che attendo mi rifugio nelle piccole cose che mi consolano e che mi proteggono.

Spero di essere più contento la prossima settimana, buona fine e buon inizio a tutti.m

Ci leggiamo la settimana prossima

3.030 Caratteri Spazi Inclusi

L'Impiegato In Carrera

"Una Vita Sola Non Basta"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...